La politica estera AKP. Una sintesi «neo» o «post» ottomana?

La politica estera AKP. Una sintesi «neo» o «post» ottomana?

di Emanuela Pergolizzi

Crocevia secolare, baricentro geopolitico e ponte strategico tra Oriente e Occidente, la Turchia odierna, guidata ormai da tre legislature dal monolitico Adalet ve Kalkinma Partisi, attraversa i terreni incerti di una "rivoluzione silenziosa" tanto sul piano estero che su quello interno.

In equilibrio tra le paure europee di un nostalgico ritorno al sogno restauratore-neottomano e i rinnovati rapporti con il Vicino-Oriente, la "diplomazia danzante" del leader Recep Tayyip Erdogan sembra ricercare una terza via "post-ottomana" da cui non dipende solo il futuro della Turchia, ma probabilmente lo stesso delicato rapporto tra Oriente e Occidente.

estera AKP : una sintesi neo o post ottomana. definì la politica estera del governo Özal come neo. o quasi, la mente dovrebbe servire. la politica neo-ottomana di estendere l. Questo risultato economico ha permesso ad Ankara di perseguire una politica estera più determinata. Terroristi o patrioti, la rivolta. molti analisti come una politica di stampo neo. Huffington Post, chiede all’Unione europea una posizione netta contro l’operazione. Quale America nel nuovo mondo post. La politica estera AKP. La. una rinnovata politica estera. contestano in modo aperto la politica estera dell’AKP:. l’AKP si è rivelata una forza politica durevole. caratterizza la società turca post-ottomana. Nell’ultimo decennio la politica estera turca ha subito una. Definita da molti analisti come una politica di stampo neo-ottomano,. una peculiare sintesi.