Giorni di ghiaccio. Agosto 2008. La tragedia del K2

Giorni di ghiaccio. Agosto 2008. La tragedia del K2

di Marco Confortola

Tra il 1° e il 2 agosto 2008, sulla parete sud del K2, si è consumata una delle più grandi tragedie della storia dell'alpinismo. Una serie di fatalità e il crollo di un seracco all'altezza del Collo di bottiglia, il canalone di roccia e ghiaccio che porta alla vetta, hanno dato il via a una imprevedibile catena di eventi che ha causato la morte di undici alpinisti.

Sulla "montagna degli italiani" c'era anche Marco Confortola che, dopo aver conquistato la cima, da "cacciatore di ottomila" è diventato preda del gigante himalayano e impotente spettatore dell'atroce destino dei suoi compagni di scalata. Quella che doveva essere un'impresa sportiva si è trasformata in una lotta per la sopravvivenza nella "zona della morte" che lo ha costretto a misurarsi con i suoi limiti fisici e mentali. "Giorni di ghiaccio" è la cronaca di quelle terribili ore di paura, disperazione, dolore, fatica; ma è anche la testimonianza della forza, del coraggio, della generosità di alcuni protagonisti di quella drammatica vicenda.

« Nel Karakorum il K2 è, per altezza, solo la seconda vetta del mondo, ma tenendo conto di altezza, pericolosità e difficoltà tecniche, è considerato l'ottomila. I video dell' INAF-Istituto Nazionale di AstroFisica Attenzione: questi video sono disponibili solamente nella versione DVD-rom del sito internet, per gentile. Forse un’attenta lettura e un preciso riferimento bibliografico alla Rivista della Montagna, di cui Gian Piero Motti fu direttore anziché rifarsi prevalentemente. Il bilancio di questa tragedia. Il bilancio di questa tragedia. Forse un’attenta lettura e un preciso riferimento bibliografico alla Rivista della Montagna, di cui Gian Piero Motti fu direttore anziché rifarsi prevalentemente. Non ce l'ha fatta la ragazza travolta dalla valanga ieri sul Gran Zebrù e portata all'ospedale di Trento in condizioni gravissime. L'organizzazione dello sport nel mondo e in Italia nella società moderna L'Olimpismo Quando perseguiva l'ardito sogno di riportare in vita il mito di Olimpia, il. Forse un’attenta lettura e un preciso riferimento bibliografico alla Rivista della Montagna, di cui Gian Piero Motti fu direttore anziché rifarsi prevalentemente. sky italia sky uk sky de entertainment sky de cine sky de only on sport time sky de select espana portugal taquilla france channels a la carte Sempre nel 1954 partecipa alla spedizione italiana capitanata da Ardito Desio, che porterà Achille Compagnoni e Lino Lacedelli sulla cima del K2; con i suoi 24 anni. channel categories. « Nel Karakorum il K2 è, per altezza, solo la seconda vetta del mondo, ma tenendo conto di altezza, pericolosità e difficoltà tecniche, è considerato l'ottomila. Sempre nel 1954 partecipa alla spedizione italiana capitanata da Ardito Desio, che porterà Achille Compagnoni e Lino Lacedelli sulla cima del K2; con i suoi 24 anni.

channel categories. L'organizzazione dello sport nel mondo e in Italia nella società moderna L'Olimpismo Quando perseguiva l'ardito sogno di riportare in vita il mito di Olimpia, il. L'organizzazione dello sport nel mondo e in Italia nella società moderna L'Olimpismo Quando perseguiva l'ardito sogno di riportare in vita il mito di Olimpia, il. « Nel Karakorum il K2 è, per altezza, solo la seconda vetta del mondo, ma tenendo conto di altezza, pericolosità e difficoltà tecniche, è considerato l'ottomila. Il bilancio di questa tragedia. sky italia sky uk sky de entertainment sky de cine sky de only on sport time sky de select espana portugal taquilla france channels a la carte Sempre nel 1954 partecipa alla spedizione italiana capitanata da Ardito Desio, che porterà Achille Compagnoni e Lino Lacedelli sulla cima del K2; con i suoi 24 anni. Non ce l'ha fatta la ragazza travolta dalla valanga ieri sul Gran Zebrù e portata all'ospedale di Trento in condizioni gravissime.

Non ce l'ha fatta la ragazza travolta dalla valanga ieri sul Gran Zebrù e portata all'ospedale di Trento in condizioni gravissime.